Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
29 agosto 2015 6 29 /08 /agosto /2015 12:27
Da Rimini a Milano, Renzi fa la festa alla sinistra

Non mi è molto simpatico, Renzi, ma gli devo riconoscere un'ammirevole coerenza: è dai tempi dell'elezione del presidente della repubblica e della rottura del patto del Nazareno che non dice e non fa nulla che sia riconducibile sia pur vagamente al patrimonio ideologico della sinistra. Questa estate il suo ritorno alla politica attiva è stato caratterizzato dall'intervento alla Festa di CL a Rimini e dalla gestione del festival dell'Unità di Milano. A Rimini, Renzi ha promesso l'abolizione per tutti delle tasse sulla prima casa (super-attico o monolocale che sia) e ha detto che l'Italia è stata paralizzata da "vent'anni di berlusconismo e di anti-berlusconismo", dimenticando che il secondo non ci sarebbe stato senza l'occupazione "manu militari" dello Stato e dell'informazione pubblica e privata da parte del primo. Equiparare Berlusconi ai politici, agli intellettuali e agli artisti che "a mani nude" si sono opposti al suo strapotere (spesso pagando con il licenziamento e l'emarginazione) è come equiparare fascisti e partigiani, qualcosa che Renzi non ha ancora fatto, sebbene la sua partecipazione al settantesimo anniversario della Liberazione sia stata ben più distratta del suo interventismo all'Expo. Alla kermesse gastronomica di Milano, facendo perfino modificare le parole dell'inno di Mameli, ha chiarito la propria visione dell'Italia, più pronta alla "vita" - nel senso di viverla - che al sacrificio; i sacrifici li ha comunque imposti alla parte meno tutelata del Paese, che non ha neppure ricevuto la tanto sbandierata mancia di ottanta euro.

L'episodio più clamoroso (finora) del festival dell'Unità di è stato invece la trasformazione in tribuna per la sparata del dirigente di Confindustria, Squinzi, contro i sindacati, responsabili a suo dire del mancato progresso dell'Italia. Non stupisce tanto il voltafaccia di Squinzi, presentatosi sulla scena tempo fa come un progressista estimatore di Landini, quanto l'uso osceno di una festa che ha un passato non dico glorioso ma almeno decente: fa il pari con l'uso indecente dell'Unità, che fu il quotidiano fondato da Gramsci ed ora ospita le sparate tromboniche di Staino contro la sinistra del PD.

Condividi post

Repost 0
Published by sroedner.over-blog.it
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Blog di sroedner.over-blog.it
  • : Questo blog si occupa di poesia, di politica, di karate. Vi si trova un'eco della mia personale e soggettiva visione del mondo.
  • Contatti

Link