Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
22 maggio 2015 5 22 /05 /maggio /2015 12:26

Che cosa accomuna due vicende apparentemente così lontane come la dichiarazione del Ministro dell'Economia Padoan, secondo il quale la Corte Costituzionale avrebbe dovuto valutare meglio le conseguenze della sua sentenza sulla legge Fornero, e l'arresto di Abdel Touil, fermato a Gaggiano su segnalazione dell'Interpol con l'accusa di aver partecipato all'attentato al Museo di Tunisi, mentre decine di persone giurano di averlo visto a Milano il giorno dell'attentato? Il disprezzo assoluto della verità o peggio, il prevalere della machiavelliana "ragion di Stato" sulla giustizia.

La Corte Costituzionale è garante suprema che le leggi proposte dal governo e approvate dal Parlamento non violino i principi fondamentali dello Stato di diritto, sanciti appunti dalla Costituzione. In momenti come questi, in cui il renzismo sta demolendo la carta costituzionale, forse non ci dovrebbe stupire e indignare il fatto che un suo ministro affermi che la Suprema Corte, prima di bocciare una legge dello Stato, dovrebbe preoccuparsi delle ricadute economiche delle sua decisione. Se si sragiona così, qualsiasi legge motivata da pretese emergenze economiche o di altro tipo (che so io, l'abolizione tout court delle pensioni o lo smantellamento totale del welfare) dovrebbe avere l'avallo silente della Consulta e del Presidente della Repubblica (che in questo caso, in effetti, non ha detto boh).

L'altro caso, quello del marocchino Abdel Majil Touid, dimostra quanto sia precaria la sicurezza di un cittadino qualunque, specie se di nazionalità africana e di pelle nera, in questi tempi di isterismo xenofobo, fomentato dalla Lega e dagli altri partiti di destra e per nulla contrastato da un sedicente partito democratico che blatera confusamente di affondare i barconi, non si sa se pieni o vuoti, i cui sindaci concordano con i loro colleghi di opposto (?!) colore politico nel negare l'accoglienza ai rifugiati in certe ricche regioni del Nord. Arrestato sulla base di un cablogramma inviato da Tunisi, Abdel il giorno dell'attentato era a Milano a scuola di italiano, come confermano i suoi appunti e decine di testimoni. Ma tant'è: quello che conta è dimostrare che "i terroristi arrivano anche sui barconi".

La verità, affermava Gramsci, è rivoluzionaria. Qui non si tratta di fare la rivoluzione ma "solo" di riaffermare, con la mobilitazione di tutti gli onesti, il concetto che non si possono calpestare impunemente la Dichiarazione fondamentale dei diritti dell'uomo (datata 1789) e i diritti costituzionali dei cittadini italiani, sanciti dalla Carta costituzionale del 1948, alla faccia della propaganda elettorale e del bonapartismo dilaganti.

Condividi post

Repost 0
Published by sroedner.over-blog.it
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Blog di sroedner.over-blog.it
  • : Questo blog si occupa di poesia, di politica, di karate. Vi si trova un'eco della mia personale e soggettiva visione del mondo.
  • Contatti

Link