Overblog
Segui questo blog
Administration Create my blog
19 agosto 2016 5 19 /08 /agosto /2016 13:44
Dal bikini al burkini, di Michela Marzano

Dal bikini al burkini

la Repubblica, venerdì 19 agosto 2016

Una bomba atomica sociale. Fu questo l’effetto che, nel luglio del 1946, provocò il primo bikini moderno indossato a Parigi, e così chiamato dall’inventore in onore dell’atollo del Pacifico in cui pochi giorni prima era stato fatto esplodere, appunto, un ordigno nucleare. Una bomba atomica sociale, dicevo. Anche quando, negli anni Sessanta, il bikini trovò infine la propria consacrazione sulle spiagge della Costa Azzurra. E cominciarono a essere sempre più numerose le donne felici di seguire l’esempio di Brigitte Bardot. A chi appartiene d’altronde il corpo delle donne se non a loro stesse? Non è forse loro, e solo loro, la scelta di mostrarsi o di coprirsi?
La storia della progressiva conquista della libertà e dell’autonomia femminili è nota a chiunque. Esattamente come sono note le periodiche polemiche sulla linea sottile che separa la libertà individuale dal conformismo sociale, l’autonomia personale dalla sottomissione alla moda. C’è sempre chi si erge a difensore della possibilità, per ogni donna, di gestire come vuole il proprio corpo e la propria immagine e chi, sottolineando l’impatto che le norme sociali hanno sulle attitudini e i comportamenti individuali, sottolinea invece la nuova forma di “servitù volontaria” cui si sottoporrebbero da anni le donne per corrispondere agli stereotipi di femminilità e di seduzione. Ma si può applicare questa griglia di analisi anche alle recenti polemiche scoppiate in Francia sul burkini, e alla conseguente decisione presa da alcuni sindaci di vietarne l’utilizzo in spiaggia? Siamo di fronte a una nuova bomba atomica sociale oppure la categoria della libertà, questa volta, è insufficiente a capire quello che sta accadendo?
Non è facile per chi vive in Francia da anni – e ha assistito dapprima in maniera distratta, poi in modo sempre più interrogativo, alla trasformazione progressiva di un certo numero di usi e costumi – schierarsi con chi è favorevole al divieto di andare in spiaggia con un burkini in nome dell’uguaglianza uomo-donna (perché sono sempre e solo le donne a doversi coprire?) oppure con chi è contrario al divieto in nome della libertà femminile (non spetta forse alle donne decidere se mettersi un bikini o un burkini?). E questo non solo perché non c’è vera libertà senza uguaglianza e viceversa – come sa bene chiunque si interessi alle condizioni che permettono alla libertà di esprimersi –, ma anche perché sia la libertà sia l’uguaglianza sono valori che, una volta contestualizzati, riflettono inevitabilmente le contraddizioni della società in cui si vive. Quella Francia in cui, fino a qualche anno fa, era impensabile ascoltare il racconto di una ragazza musulmana che, una sera di Ramadan, viene apostrofata da un gruppo di ragazzi perché porta il rossetto: “Sorella! Non sai che non ci si mette il rossetto quando è Ramadan?” Quella Parigi in cui, fino a pochi mesi fa, era inconcepibile immaginare che in Università alcuni studenti spiegassero che è giusto che un ragazzo non stringa la mano di una ragazza (per pudore? per rispetto?) e che ogni donna degna di questo nome non giri da sola per strada e si copra integralmente – “un fratello non può accettare che la sorella non sia velata senza perdere l’onore!”.
L’editore egiziano Aalam Wassef ha recentemente chiesto agli Occidentali di non essere naïfs quando si tratta di discutere del significato del burkini e di non dimenticare che l’Islam non può ridursi alla visione integralista dei Salafiti. Portare il burkini, per Wassef, non sarebbe una prova di libertà, esattamente come vietarne l’uso non sarebbe una forma di islamofobia. Anche semplicemente perché ci sono tante donne musulmane che vorrebbero avere la possibilità di indossare un bikini, e sarebbe quindi estremamente difficile aiutarle a esercitare questo tipo di libertà se, arrivando in spiaggia, incontrassero gruppi salafiti pronti ad apostrofarle: “Sorella! Non sai che anche in spiaggia una donna si deve coprire?”.
Ogni essere umano, spiegava il padre del liberalismo John Stuart Mill, ha come vocazione quella di essere libero. E sarebbe un crimine contro l’umanità non rispettarne l’autodeterminazione. Anche la libertà, però, ha i suoi vincoli. E finisce laddove, in suo nome, la si cancella, visto che non può essere in nome della libertà che ci si ritrova poi in una situazione di servitù o sottomissione. Il problema allora, nel caso del burkini, non è tanto la libertà o meno della donna di vestirsi come meglio crede. Su questo siamo (o dovremmo) essere tutti d’accordo. Il problema sono le condizioni di esercizio della libertà delle donne musulmane. Cosa le spinge o meno a coprirsi? La paura del giudizio o delle sanzioni da parte dei familiari? I precetti religiosi? Il desiderio di opporsi ai valori occidentali? Il pudore? Certo, la libertà individuale è sempre sacra. Ma non ha ragione anche Lacordaire quando, nel XIX secolo, ci ricorda che “tra il forte e il debole è la libertà che opprime e la legge che affranca”?

Published by sroedner.over-blog.it
scrivi un commento
16 agosto 2016 2 16 /08 /agosto /2016 13:12
Esercizi di zen metropolitana: Una giornata perfetta

Una giornata perfetta è il risultato di diversi fattori: umani, meteorologici, ma anche casuali. Quando tutto questo coincide, si ha quella che amo definire "una giornata perfetta". Non si può prevedere, non si può programmare. Se ne possono creare le premesse e sperare che succeda. A me è successo sabato 14 agosto in Valmalenco.

Il giorno precedente avevo conosciuto Paolo, un "ragazzo" milanese vent'anni più giovane di me, che mi ha proposto un'escursione per me del tutto nuova, al rifugio Del Grande - Camerini, sul Disgrazia, sulla strada di Chiareggio, il versante della valle che conosco di meno. Io, che avevo programmato tutt'altro, ho accettato di uscire dalla solita routine e in serata ho appreso che a noi due si sarebbe aggiunto Massimo, un giovane ciclista ventenne amico dei proprietari dell'Edelweiss.

Alle sei e quaranta io e Massimo siamo saliti in macchina,e alle sette Paolo ci ha raggiunti a fondovalle e ci ha caricati sulla sua auto,mentre io abbandonavo la mia nel parcheggio davanti al bar Bucaneve a Lanzada.

Da quel momento in poi la mia giornata perfetta ha avuto inizio. Siamo saliti verso Chiareggio programmando i dettagli della gita, della quale solo allora cominciavo a comprendere la complessità. A Chiareggio abbiamo fatto colazione nel bar perfetto, il cui proprietario, cordiale e con un gran senso dell'umorismo, ci ha fatto tre ottimi cappucci che hanno reso squisite anche le briosc confezionate. Poi la ricerca del sentiero che ci avrebbe portato al rifugio Del Grande - Camerini, a quota 2600, utilizzando la via "diretta", come l'ha chiamata Paolo, praticamente un prato verticale con sassi e tornanti qua e là,e nessuno a rompere le balle o a darci indicazioni: nessuno, tranne noi tre.

L'escursione è iniziata in silenzio, con il sottoscritto preoccupato di regolare il passo e mascherare l'affanno iniziale,e i miei due compagni di avventura che ogni tanto si voltavano indietro,preoccupati e compassionevoli. Ma il silenzio è durato poco, e presto gli scherzi e le battute hanno alleviato gran parte della fatica. I tre sconosciuti erano diventati amici inseparabili, concentrati sulla meta ma pronti ad affrontare la salita con lo spirito giusto, con frequenti pause suggerite da bisogni fisiologici, dalla necessità di rifiatare, di fotografare un fiore o i compagni stravolti. La prima foto, goliardica, è stata di noi tre col pugno chiuso.

Il sodalizio si è interrotto a cinquanta minuti dal rifugio, quando le mie due guide hanno deciso di prendere una digressione passando su fantomatiche roccette e io ho proseguito da solo, seguendo i segniibianchi rossi sulle rocce, non immalinconico dalla solitudine quanto piuttosto sollevato dall'ansia di prestazione e libero di inciampare quando lo ritenessi opportuno.

Alle undici e quindici ero in vista della meta,ma mi aspettava un ultimo sorpresone: un robusto cavo di acciaio aveva preso il posto del sentiero e il rifugio era scomparso alla mia vista. Il mio intuito infallibile mi ha suggerito che se volevo arrivare dovevo attaccarmi a quel cavo e così ho fatto. A forza di braccia, e di tanto in tanto puntando qualche piede a casaccio, mi sono issato in cima e ho varcato, glorioso e gocciolante, la soglia del rifugio.

Mi aspettavo di vedere i miei amici ma le roccette li avevano in qualche modo distolti dalla meta, concedendomi l'onore del primato. Ho così conosciuto la numerosa e cordiale famiglia allargata del signor Giorgio, che mi ha ciricondato premurosa offrendomi consigli e ristoro. A loro ho confidato le mie pene per gli amici che tardavano,e sono stato soccorso dai loro binocoli e dalle loro parole di conforto. Erano ormai le 12 e 30 e allora "più che il dolor poté il digiuno". Mi sono seduto dentro e ho cominciato a mangiare, premurosamente servito da una gentile fatina di nome Bianca e dai suoi fratelli (o cugini) e da sua madre (o zia). All'una, quando Paolo e Massimo mi hanno raggiunto dopo il gran tour delle roccette, avevo già rotto le scatole all'intera famiglia,inducendoli perfino,per compiacermi, a una foto di gruppo con me. La ciliegina sulla torta è stata la medaglia di carta consegnatami da Bianca in persona (quella precedente era stata conquistata il giorno prima da un bambino di tre anni).

Il resto della giornata è stato altrettanto perfetto ma immalinconito dagli addii: salutati gli ospiti, pagato il conto, comprate due magliette, abbiamo iniziato la discesa, più breve ma più dolorosa (in tutti i sensi) della salita. In qualche modo, in due ore e mezzo, siamo tornati al punto di partenza, anche se i dettagli mi sfuggono, obnubilati dalla fatica. Mi sono risvegliato sulla mia macchina, davanti al bar Bucaneve, e da lì in qualche modo devo essermi arrampicato sui tornanti e infilato le gallerie per emergere davanti all'Edelweiss.

La giornata perfetta si è conclusa col racconto epico della nostre imprese e con lo scambio di fotografie e di indirizzi fra noi tre e i gentili gestori del Rifugio Del Grande - Camerini. Tutto questo non si poteva prevedere né programmare ma è stato divertente rievocarlo.

Published by sroedner.over-blog.it
scrivi un commento
11 agosto 2016 4 11 /08 /agosto /2016 09:23
Esercizi di zen metropolitano: l'ago e la caffettiera

La mia caffettiera è all'apparenza un oggetto ben poco Zen, una panciuta Nescafè Dolcegusto a cialde. Eppure oggi è stata co-protagonista di un episodio curioso che mi accingo a raccontare. Da qualche giorno sul ripiano della credenza giaceva vicino a lei un minuscolo ago da cucito, reperto dell'ultima volta in cui mi ero deciso a pulire tutta la casa, mai rimesso al suo posto, ma lasciato lì, ben visibile, memento di non so cosa.

Stamattina la caffettiera si è rifiutata di farmi il cappuccino. Si è bloccata, versando poche gocce di un liquido biancastro nella tazza e protestando con un terribile ruggito.

Come per la madeleine di Proust, ho ricordato tutto. Ieri la povera Nescafè, ostruita da settimane di calcare e di incuria, mi aveva dato un segnale, partorendomi l'ultimo cappuccio con poche gocce di caffè rugginoso. Io, preso da mille vicende domestiche ed esistenziali, l'avevo trascurato, nonostante l'ago fosse sempre lì a puntare verso di lei.

Adesso l'unico modo di farmi il cappuccino era usare quell'ago per sgombrare i dotti lattei dell'aggeggio, liberare un varco perchè la povera caffettiera riprendesse il suo umile ma prezioso lavoro quotidiano.

Ebbene, l'ago era sparito. Per quanto lo cercassi sul ripiano, sul tavolo, sul pavimento e nel cassetto, era scomparso: aveva svolto il suo ruolo, tornando nell'iperuranio degli aghi. Ma tanto mi era bastato, avevo ricevuto il messaggio.

Rovistando nel cassetto disordinato, ho infine trovato un suo fratellino (o forse era lui tornato da solo nei ranghi? Non lo sapremo mai) che lo ha sostituito egregiamente. Liberato il foro, rimontata la caffettiera, ho potuto godermi un ottimo cappuccino con la solita brioche imbustata dell'esselunga. Ma che importa? Lo Zen metropolitano si basa proprio sull'attribuire significato a cose di uso quotidiano. Perchè siamo noi a dare un significato al mondo.

P.S. L'ago magico accanto a me mi punzecchia e protesta: "Sono io" sembra dirmi "che ti ho risolto il problema. Senza di me saresti dovuto andare al bar e spendere due euro e quaranta. La tua filosofia vale quanto quella povera caffettiera di cui dovresti occuparti regolarmente".

Come dargli torto?

Published by sroedner.over-blog.it
scrivi un commento
9 agosto 2016 2 09 /08 /agosto /2016 16:44
Esercizi di Zen metropolitano: riempire il tempo

Già Kant aveva scoperto che il tempo, come lo spazio, non esisterebbero senza di noi. Il tempo e spazio sono categorie dello spirito e, come per il mondo esterno, possiamo decidere se subirle o dominarle. Sia che siamo subissati da impegni durante una settimana lavorativa, sia che ci troviamo bloccati a Milano a ferragosto senza (apparentemente) nulla da fare, la parola d'ordine è gestire il tempo.

Una giornata sembra interminabile se non si ha nessuno con cui parlare e nessun lavoro da svolgere, ma trascorre in un lampo se la si divide in segmenti, alternando le attività in modo intelligente per evitare la ripetitività e la noia. Stabilire l'ora del risveglio e attenersi alla decisione presa è il primo passo per una gestione efficace del tempo. Io punto la sveglia alle otto, a meno che non abbia in programma un'escursione impegnativa, nel qual caso non esito a svegliarmi alle sei, un orario abbastanza congeniale ai miei ritmi biologici di non più giovanissimo.

L'attività sportiva va benissimo a qualsiasi età, purchè le condizioni fisiche la permettano, e una blanda attività fisica è accessibile a chiunque, senza il pemesso del medico. Personalmente, oltre alla mia disciplina di riferimento, il karate, io pratico attualmente il ciclismo amatoriale e l'escursionismo, in genere alternandoli al riposo. In passato correvo e ho completato quattro maratone all'inizio del secolo (!) ma poi ho smesso perchè mi spostavo poco e faticavo troppo.

D'estate, la mattina è il periodo più favorevole per lo sport perchè la temperatura è meno elevata. Cammino in montagna o vado in bicicletta per un paio di ore, poi mi concedo una breve sosta, a casa o dove mi trovo. Bevo e mangio quello che mi sento, senza dare ascolto alle prescrizioni dietetiche che valgono meno di un'esperienza cinquantennale.

Nei giorni di riposo, leggo il giornale o un libro, oppure mi tengo in contatto con le mie conoscenze su internet, o cerco di mantenere un ordine accettabile in casa, senza essere nè un fanatico della pulizia nè uno sporcaccione. Applico il principio già spiegato della broken window, cerco cioè di non accumulare sporcizia o lavori lasciati a metà, per non cadere nell'apatia e nella depressione.

Sonnellino sì o sonnellino no? Anche qui non si può fissare una regola generale: se siete stanchi e di buon umore, una o due ore di sonno possono fare al caso vostro, purché puntiate la sveglia per non ritrovarsi rincoglioniti alle sei e mezzo di sera. C'è stato un brutto periodo in cui dormire di pomeriggio mi metteva angoscia, e in tal caso basta un buon caffè e una puntatina fuori, fosse solo per un gelato.

Cenare in casa o in ristorante/pizzeria è questione di umore e di portafoglio, e io eviterei gli eccessi dall'una e dell'altra parte. Sempre ammettettendo che non abbiate nessun conoscente a portata di mano, di telefono o di Skype, il cinema (prenotabile comodamente da casa) la televisione, il web vi assicurano una vasta gamma di intrattenimenti per tutti i gusti e tutti i portafogli.

Andate a letto quando avete sonno e dormirete bene. Certe volte io crollo alle undici e mezzo, altre volte tiro le due senza problemi. Soprattutto ricordatevi: siete voi a riempire le caselle della vostra giornata, siate felici di poterlo fare in libertà senza risponderne a nessuno. Oppure siate felici se trovate qualcuno con cui condividerle. E non temete la noia come faceva Leopardi: dal suo tedio sono scaturiti i suoi Canti immortali, dal mio (più modestamente) questi esercizi di Zen metropolitano.

Published by sroedner.over-blog.it
scrivi un commento
9 agosto 2016 2 09 /08 /agosto /2016 16:18
Esercizi di zen metropolitano: il focus of interest

Che cos'è il focus of interest (campo di interesse)? Lo zen metropolitano si occupa di attenzione, ma è evidente che non si può prestare uguale attenzione a tutto e a tutti per un periodo di tempo indeterminato. Il segreto consiste allora nel creare un "campo di interesse" per tenere sotto controllo le cose che davvero importano per voi, trascurando tutto il resto. Un paio di esempi dovrebbe chiarire l'argomento.

State scrivendo un post per il vostro blog, ma contemporaneamente tenete visivamente sotto controllo le icone di outlook e di facebook perchè state aspettando posta e/o messaggi dai vostri amici. Ignorate quindi il resto della scrivania e della stanza ma siete consapevoli anche della luce (eccessiva? insufficiente?) e della temperatura nella stanza, regolata dal condizionatore, del quale ascoltate il regolare soffio, nonché del vostro smartphone in ricarica. Il noto fischio vi avvertirà se qualcuno vi contatta su whatsapp. Naturalmente, se doveste consegnare l'articolo con urgenza, silenziereste il telefono e vi sconnettereste da Internet, come faccio io ogni sera alle 22 e 30.

L'esempio vi sembra troppo "virtuale" e distaccato dalla realtà? Immaginatevi allora in spiaggia. State leggendo un libro, ma contemporaneamente badate a non scottarvi uscendo dall'ombra dell'ombrellone e tenete d'occhio: a) un tipo biondo mica male che sembra annoiarsi due file più avanti; b) il venditore di cocco che tarda a proporvi lo squisito frutto tropicale; c) l'ingresso della spiaggia, per controllare se arriva vostro figlio col portafoglio e le chiavi della doccia.

Provate ad applicare questo concetto e vedrete che la vostra attenzione sarà premiata e le distrazioni drasticamente limitate. Talvolta per portare a termine un'impresa (una maratona, una pedalata, un'escursione) il vostro focus dovrà invece ridursi drasticamente alla strada davanti a voi e al ritmo del vostro respiro.

Published by sroedner.over-blog.it
scrivi un commento
12 giugno 2016 7 12 /06 /giugno /2016 22:16
S'i'fossi a Roma

S’i’ fossi a Roma

S’i’ fossi a Roma voterei per Raggi,

a Napoli Luigi sosterrei;

fossi a Torino mi lambiccherei:

Appendino o Fassino ai ballottaggi?

S’i’ fossi Renzi, andrei da Mattarella,

“L’Europa ce lo chiede”, gli direi:

espulsioni, pensioni, unioni gay,

qualunque cosa per restare in sella.

Ciò detto, pur vivendo in tempi bui

dove il governo annaspa, parla e annoia,

se fossi Sergio, come sono e fui,

voterei Beppe senza troppa gioia,

perché Parisi è assai peggio di lui,

di Lega e Fascio gran caval di Troia.

Sergio Roedner

8 aprile 2016 5 08 /04 /aprile /2016 20:53
Esercizi di zen metropolitano: ascoltarsi

Ascoltarsi è il punto di partenza per ogni esercizio di attenzione. Ascoltare i segnali che provengono dal nostro corpo e dalla nostra mente è indispensabile per comprendere che cosa di noi è opportuno cambiare e che cosa è meglio conservare. Il linguaggio del corpo, osservato negli altri, ci dice molte cose su chi ci sta di fronte. Analogamente, il nostro atteggiamento trasmette molte informazioni a chi ci circonda. Siamo certo che siano proprio le informazioni che vogliamo diffondere su di noi? Un viaggio in metropolitana o in treno, o una visita al supermarket, sono una miniera di notizie sugli altri, ma la comunicazione non è mai a senso unico.

Prima di tutto, il nostro corpo ci segnala il nostro disagio o al contrario il nostro benessere attraverso il battito cardiaco e il respiro, regolari o affrettati; il passo, la postura e lo sguardo rivelano la nostra condizione mentale e la nostra forma fisica. Le braccia incrociate davanti al petto denotano un atteggiamento di difesa, mentre se sono poste spavaldamente sui fianchi indicano una sicurezza di sè, peraltro non sempre sincera. Questa osservazione servirebbe a poco se non fosse seguita da una correzione: controllare il respiro, rilassare le spalle, sollevare lo sguardo ha un effetto positivo sul nostro stato d'animo: provare per credere.

Ascoltarsi quotidianamente è un'abitudine salutare: ci permette di prevenire l'ansia e la rabbia, di controllare la paura, di moderare il tono di voce. Questo non deve significare abbandonarci all'ipocrondria e ricorrere al medico o al farmacista per ogni più piccolo malessere. Al contrario, un'attenzione costante ma non morbosa previene la maggior parte dei disturbi che hanno un'origine psicosomatica e attenua l'effetto degli altri. Gnothi sauton, conosci te stesso, ammoniva l'oracolo di Delfi: solo così potrai capire gli altri e in qualche misura controllare il mondo che ti circonda.

Un problema più spinoso, che si può presentare occasionalmente, è quello di staccare la spina, cioè di rilassarsi dopo un periodo di concentrazione intensa. Oppure, più spesso, quello di distogliere la mente da un pensiero fisso che ci attanaglia: una paura, una preoccupazione, una minaccia che incombe su di noi e contro la quale ci sentiamo impotenti. "Distraetevi, fate un bel viaggio": non è un cattivo consiglio ma, come ammoniva Seneca, si rischia di portare con sè le proprie preoccupazioni e di rovinare la vacanza nostra e di chi ha stoicamente scelto di accompagnarci.

Tenere corpo e mente occupati quando siamo schiacciati da un grave dolore o da un pensiero assillante è senz'altro uno stratagemma efficace: è difficile pensare a una scadenza finanziaria mentre si guida e cento all'ora in tangenziale o si segue una spiegazione complicata o una puntata di Better Call Saul. Ma in situazioni estreme io ho trovato più efficace la ripetizione di un mantra, una formula qualunque che ci occupi la mente impedendoci di pensare ad altro.

Per i buddisti vanno benissimo i loro mantra. Personalmente ho trovato efficacissimo ripetere mentalmente la lista della spesa, invece di scriverla, sulla strada del supermarket e mentre facevo compere. Uno stratagemma ancora migliore è ingannare la mente ripetendo mentalmente proprio il pensiero che vi tormenta: la frase "Irina mi ha lasciato", ripetuta un centinaio di volte, attira la viostra stupida attenzione sulla frase e non sul fatto, e perde a poco a poco il suo contenuto di dolore. In modo non diverso gli psicoanalisti e gli stregoni di Scientology fanno rivivere cento volte l'episodio traumatico al paziente finchè non perde la sua "carica" emozionale.

Provate anche voi e ditemi se funziona!

Published by sroedner.over-blog.it
scrivi un commento
6 aprile 2016 3 06 /04 /aprile /2016 22:10
Esercizi di zen metropolitano 7: accendere e spegnere l'interruttore

L'idea fondamentale dietro a questo blog è di sviluppare gradualmente l'attenzione su noi stessi e il mondo che circonda, per provare a cambiare ciò che non ci piace e vivere con pienezza le esperienze quotidiane, evitando il più possibile gli automatismi che ci guidano come dei sonnambuli che attraversano la vita senza neppure accorgersene. L'analogia dell'interruttore mi sembra efficace e di comprensione immediata, e risale addirittura al mito della caverna nella filosofia di Platone.

Una persona nata e cresciuta in una caverna può osservare solo le ombre proiettate dalla luce di una candella sulla parete davanti a lui. Ma se riesce a liberarsi dalle catene e ad uscire dalla caverna, riuscirà a vedere il mondo reale, dapprima riflesso nella superficie di un lago, e poi, una volta abituato all'intensità della luce diurna, potrà alzare gli occhi al cielo e guardare, solo per un attimo, il sole e le stelle, simboli del mondo delle idee o iperuranio.

I nostri esercizi ci addestrano gradualmente ad uscire dal buio delle nostre abitudini e dalla falsa sicurezza dei nostri navigatori satellitari per guardarci intorno e cogliere la ricchezza del reale. Però, come nel mito di Platone, bisogna procedere per gradi. Credo di aver già raccontato come io mi sia incamminato su questa strada l'8 marzo, decidendo di spegnere il navigatore mentale nel breve tragitto in moto dalla palestra del Maestro Fugazza a casa mia. Quindici minuti di attenzione sono stati più faticosi e ricchi di scoperte di un'intera giornata vissuta meccanicamente.

Da allora ho gradualmente prolungato queste sedute di attenzione e concentrazione, applicandole a diversi momenti della mia giornata, al lavoro, in palestra, in casa, da solo o in compagnia di altri. I post di questo blog raccontano le varie scoperte che ho fatto e segnano le tappe di questo risveglio. Una cosa va però subito chiarita: non bisogna strafare con lo zelo dei neofiti, occorre prendersi sempre delle pause. A un certo punto la lampadina viene spenta, il telefonino silenziato, il computer messo a riposo. Un'attenzione prolugata può solo portare stress, ansia e paranoia. Ascoltarsi non significa incoraggiare la propria ipocondria, controllare il proprio aspetto e il proprio comportamento non vuol recitare un ruolo, ma esattamente l'opposto.

In ogni caso, l'autoascolto è il punto di partenza, e sarà oggetto di uno dei prossimi post. A proposito, una volta pubblicato questo articolo, spegnerò il PC. Le 22 e 30 sono il mio limite massimo, a meno che non abbia lavori urgenti da terminare. Questo mi lascia un'ora di tempo per placare i neuroni agitati e prepararmi al riposo notturno. I vecchi devono andare a dormire presto!... :)

Published by sroedner.over-blog.it
scrivi un commento
6 aprile 2016 3 06 /04 /aprile /2016 07:37
Una lezione particolare, di Francesco De Luca

Francesco Deluca (meditazione)

Inizia la pratica del KARATE nel 1976 a Milano con il Maestro Carlo Fugazza. Prosegue nello studio con lui e con il Maestro Shirai dal 1979 fino ad arrivare alla qualifica di Maestro 6° DAN.

Inizia la pratica dello YOGA nel 1982 approfondendo con le scuole della GFU fino al 2006. Insegnante di yoga. Entra in contatto e collaborazione con molteplici gruppi che arricchiscono il percorso realizzato.Tiene molteplici conferenze e studi in varie città d'Italia e d'Europa.

Sintetizza un metodo in cui la MEDITAZIONE è un ponte tra la vita materiale e la vita spirituale

Ecco cosa mi ha scritto per sintetizzare una lezione di karate da lui recentemente diretta:

" I punti toccati nella lezione di venerdi sono stati:

Nei fondamentali, l'attenzione mentale su hikite, come elemento per sentire al meglio la rotazione delle anche, e l'effetto a spirale che si produce di conseguenza sull'energia.

Ddei fondamentali si può dire che permettono in misura percentuale maggiore di conoscersi, di conoscere come è la qualità della pratica nel momento presente.

Per il kumite dall'attenzione mentale in un punto siamo passati alla presenza mentale, la capacità di restare nel centro dell'azione.

Del kumite si può dire che la base di partenza sia accettarsi."

Published by sroedner.over-blog.it
scrivi un commento
4 aprile 2016 1 04 /04 /aprile /2016 15:26
Esercizi di zen metropolitano: i pericoli dell'ubbidienza

Il celebre esperimento di Stanley Milgram (1961), condotto alla Stanford University poco dopo la fine della guerra e la scoperta dei campi di sterminio naisti, dimostra che non serve essere dei pazzi sadici per eseguire degli ordini malvagi. La maggior parte degli esseri umani, di fronte a un'autorità che impartisce loro ordini ingiusti, arriva al punto di infliggere scosse elettriche a un proprio simile. Una replica meno cruenta di questo esperimento, fatta in un'aula scolastica, non darebbe risultati molto diversi: gli studenti non reagiscono, se non con blande e isolate proteste, al comportamento dispotiuco di un insegnante che aggredisce verbalmente un loro compagno. E' la banalità del male, come scriveva Annah Arendt commentando il processo ad Adolf Eichmann, il principale responsabile della deportazione degli ebrei d'Europa, un ometto insignificante nella vita di tutti i giorni.

Forse avete già capito il nesso con i nostri esercizi di zen metropolitano: l'obbedienza alle autorità è un potentissimo navigatore satellitare che viene impiantato nella nostra psiche nel momento in cui ci scontriamo con la prima incarnazione del potere, di solito nostro padre, e viene via via rafforzato dalla scuola, dalla chiesa, dagli amici che frequentiamo, dai mass media. Viene a costituire quello che Freud chiama il nostro Super Io, produttore inesauribile di sensi di colpa.

E' un meccanismo essenziale per la sopravvivenza della società e ci salvaguarda dal finire i nostri giorni prematuramente o in prigione. Ma ai fini della nostra crescita interiore occorre che anche noi, come già Immanuel Kant, sottoponiamo a vaglio critico le sue pretese e ci chiediamo: fino a che punto queste costrizioni e restrizioni sono da me condivise? Chi rispetto veramente e chi fingo di rispettare, per convenienza od opportunismo? Faccio questo perché devo o perché voglio? E se devo, perché devo? Per quali principi o fini che siano veramente i miei?

Presentazione

  • : Blog di sroedner.over-blog.it
  • : Questo blog si occupa di poesia, di politica, di karate. Vi si trova un'eco della mia personale e soggettiva visione del mondo.
  • Contatti

Link